Droni commerciali per sganciare bombe: l’ultima strategia dell’ISIS
16 gennaio 2017
Una trottola stampata in 3D da 20 centesimi per diagnosticare la malaria
17 gennaio 2017

La stragrande maggiornanza delle batterie presenti nei dispositivi elettronici che utilizziamo ogni giorni basata sulla tecnologia litio-ione, che fino ad ora si dimostrata essere una tecnologia capace di coniugare

efficienza, compattezza e costi di produzione. Purtroppo una tecnologia che talvolta pecca in sicurezza, rendendo le batterie piuttosto pericolose se si surriscaldnano poich potrebbero prendere fuoco ed esplodere. Come in molti ricorderanno, l’ultimo protagonista con gravi problemi alle batterie stato lo smartphone Galaxy Note 7 di Samsung.

I problemi delle batterie litio-ione sono spesso imputabili a piccoli difetti di fabbricazione o a una carica troppo rapida (al netto delle tecnologie appositamente sviluppate a tale scopo) che vanno a compromettere la reazione chimica che pu portare il surriscaldamento della batteria e nei casi pi gravi la frattura degli elementi di contenimento con possibile esposizione all’ossigeno e il conseguente rischio di combustione.

Un gruppo di ricercatori della Stanford University ha per individuato una soluzione che potrebbe permettere di sviluppare batterie pi sicure. Nella pubblicazione, su Science Advances, i ricercatori descrivono lo sviluppo di batterie “auto-estinguenti” che sono capaci di soffocare le eventuali fiamme in pochissimo tempo. I ricercatori hanno inserito un guscio di un particolare polimero all’interno di ciascuna batteria che contiene un ritardante (trifenilfosfato) che ha la capacit di sopprimere la combustione degli elettroliti. Il guscio fonde a 150C, rilasciando il ritardante e permettendo cos di soffocare qualsiasi sviluppo di fiamme.

In passato sono gi state sperimentate soluzioni con l’impiego di trifenilfosfato, che per era semplicemente mescolato con gli elettroliti all’interno della batteria: questa impostazione portava per ad un sensibile degrado delle prestazioni, tale da non rendere le batterie adeguate all’uso pratico. Nel progetto dei ricercatori di Stanford non per chiaro quanto spazio venga occupato all’interno della batteria dal guscio contenente il ritardante e quindi quale sia il prezzo da pagare sul lato prestazionale. E’ ragionevole supporre che batterie di piccole dimensioni, come quelle che equipaggiano smartphone e tablet, potrebbero non essere idonee ad integrare un sistema del genere.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Italiano
Impostazioni della Privacy
Nome Abilitato
Cookie Tecnici
Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookies tecnici necessari: wordpress_test_cookie, wordpress_logged_in_, wordpress_sec.
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
Privacy Policy
Verifica se hai accettato la nostra privacy policy.
Termini e Condizioni
Controlla se hai accettato i nostri Termini e Condizioni.

Durante la navigazione potranno essere installati sul tuo dispositivo cookie tecnici, analitici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione della Notelseti Srls e di terze parti al fine di proporti pubblicità in linea con i tuoi interessi.