Via Serroni 58, 84091 Battipaglia (Sa)

<div>Batterie litio-aria, 10 volte l'autonomia rispetto al litio nello stesso spazio</div>

Un gruppo di ricercatori dell'Universit di Cambridge ha rilasciato un documento in cui attesta la realizzazione di un prototipo di batteria litio-aria che supera alcuni degli ostacoli noti in precedenza. Le
caratteristiche dell'unit sembrano essere interessanti e potrebbero aprire ad un ventaglio di opportunit molto vasto per il futuro dei dispositivi mobile o dell'automotive in genere. Il prototipo ha un'elevata densit energetica, pu essere caricato pi di 2000 volte ed il 90% pi efficiente rispetto alle tecnologie studiate in precedenza.Ci vorranno almeno 10 anni Pensare ad un passaggio alla nuova tecnologia dall'oggi al domani sarebbe comunque utopico. Gli stessi ricercatori dell'Universit di Cambridge hanno candidamente ammesso che ci vorranno almeno 10 anni perch si vedano i primi usi in ambito commerciale della batteria litio-aria, tuttavia il nuovo documento dimostra come progressivamente si stiano abbattendo gli ostacoli che rendevano decisamente pi complicata l'integrazione della tecnologia su prodotti rivolti ai diversi mercati. Abbiamo parlato della batteria litio-aria nel 2013, e da allora la ricerca prosegue a gonfie vele al fine di ridurre tutti i limiti della batteria agli ioni di litio, la stessa che estremamente diffusa ad oggi sul piano commerciale e che stata lanciata da quasi 25 anni. Un quarto di secolo fa le batterie agli ioni di litio aiutavano a superare i limiti delle tecnologie di allora, e si sono fatte spazio mostrandosi come la soluzione pi adatta agli usi commerciali e degli utenti. Ma questo non significa che non abbia i suoi limiti. Le batterie litio-aria sono particolarmente pi leggere e hanno una maggiore densit di energia, elementi assolutamente indispensabili soprattutto per una superiore efficienza nelle auto elettriche cos come su altri dispositivi mobile. Le due caratteristiche infatti garantirebbero un peso ridotto dell'intera vettura (il cui pacco batteria rappresenta una percentuale consistente), traducendosi immediatamente in una percorrenza su singola carica maggiore e un'esperienza di guida senza dubbio pi gradevole. Fra gli ostacoli abbattuti dall'Universit di Cambridge il pi importante sembra quello della longevit. Cicli di carica ripetuti diminuivano consistentemente l'efficacia della batteria, soprattutto perch si potevano creare reazioni chimiche non volute all'interno della stessa unit. La reazione chimica che avveniva nel ciclo di carica e scarica di molte batterie Li-O2 studiate precedentemente formava perossido di litio, mentre la nuova unit dell'Universit di Cambridge produce idrossido di litio. La batteria composta da un anodo metallico di litio, un elettrodo di ossido di grafene e un additivo di ioduro di litio che agisce come mediatore delle reazioni di ossidoriduzione e come solvente di dimetossietano. I ricercatori sono stati in grado di produrre e poi rimuovere l'idrossido di litio durante il ciclo di carica e scarica. Anche aggiungere piccoli quantitativi di acqua nella batteria ha aiutato ad ottenere lo stesso obiettivo, ovvero mantenere la stessa efficienza anche dopo periodi di tempo prolungati. I ricercatori dell'Universit sono riusciti anche a ridurre il cosiddetto "voltage gap" a 0,2V, un numero particolarmente vicino a quello delle batterie attualmente diffuse commercialmente. Il team ha anche rivelato alcuni numeri che fanno ben sperare sulla nuova tecnologia: la loro nuova batteria ha una densit energetica teorica di 3.350Wh/kg, di molto superiore rispetto alle batterie odierne che si attestano intorno ai 140-250Wh/kg. Tuttavia, le stime sono al ribasso rispetto a quando nel 2012 si davano le batterie Li-O2 capaci di arrivare a 13.500Wh/kg.Ci sono ancora per parecchie problematiche Ci sono ancora per parecchie problematiche: il voltage gap e le caratteristiche dell'elettrodo si mantengono solo per rate di carica e scarica ben specifici, e l'anodo in litio del loro prototipo forma a volte dendriti che compromettono drasticamente le prestazioni della batteria. Come gi noto, inoltre, alcuni composti che si trovano nell'aria oltre all'O2 possono formare sottoprodotti chimici negativi ed eventuali reazioni non desiderate. Alla luce dei pro e dei contro attuali facile considerare queste tecnologie come "vaporware", ovvero speranze che non verranno mai esaudite. Non ci sembra tuttavia cos per la batteria litio-aria. C' molto fermento sulla tecnologia e vari team ne stanno studiando i segreti e le modalit di integrazione. ovvio che non verr integrata negli smartphone della prossima generazione o in quella successiva, tuttavia molto probabile che sar questa la batteria che sostituir l'abusatissima agli ioni di litio al fine di venire incontro alle problematiche che affrontano ai nostri giorni i produttori di automobili elettriche o di dispositivi mobile in genere.

 682,    Blogs

Chi siamo

logo contatti notelseit

Notelseit si occupa di registrare un dominio, attivare servizi di hosting, server dedicati e vps, realizzare siti web a Battipaglia e inserirli nei motori di ricerca .

Contatti

Sede Legale: Via Serroni 58

84091 Battipaglia SA
Tel: +39 (828) 17 76 329