I Bitcoin non possono essere oggetto di proprietà secondo il tribunale di Tokyo

Il tribunale di Tokyo ha respinto la causa intentata da un cittadino di Kyoto tramite la quale veniva richiesto un rimborso per i Bitcoin conservati presso Mt.Gox e andati perduti

nelle vicende immediatamente precedenti alla dichiarazione di insolvenza del servizio di cambio.

Il cittadino di Kyoto deteneva 458 Bitcoin, per un valore approssimativo che oggi si attesta attorno ai 130 mila dollari, in un conto Mt.Gox: il servizio di cambio ha per chiuso i battenti a febbraio dello scorso anno, dichiarando bancarotta dopo aver reso noto che svariati Bitcoin, per un valore di qualche milione di dollari, sono scomparsi dai sistemi informatici del servizio.

Il giudice Masumi Kurachi ha affermato che il Codice Civile nipponico considera la propriet per quelle entit tangibili che occupino spazio e diano modo di esercitare un controllo esclusivo su esse stesse. Il giudice afferma che evidente che i Bitcoin non posseggono le caratteristiche di entit tangibili e ha osservato che non offrono un controllo esclusivo perch le transazioni tra utenti sono strutturate in un modo che implica il coinvolgimento di una terza parte (sebbene non vi siano intermediari nella transazione, che diretta, necessario che il sistema e la rete Bitcoin le validi) e che, per questi motivi, non possono essere soggetti a propriet.

Non chiaro, a questo punto, che impatto possa avere la sentenza sugli altri utenti che hanno intentato azioni legali contro Mt.Gox, dato che migliaia di creditori sono attualmente coinvolti in un lungo e laborioso iter per spartire gli asset restanti del servizio di cambio, la cui ultima valutazione di 11,5 milioni di dollari.


 577,    Blogs

Chi siamo

logo contatti notelseit

Notelseit si occupa di registrare un dominio, attivare servizi di hosting, server dedicati e vps, realizzare siti web a Battipaglia e inserirli nei motori di ricerca .

Contatti

Sede Legale: Via Serroni 58

84091 Battipaglia SA
Tel: +39 (828) 17 76 329