Via Serroni 58, 84091 Battipaglia (Sa)

La NASA sperimenta la tecnologia di ripresa High Dynamic Range Stereo X su un razzo

Ci gi capitato di dirlo: HDR la tendenza dei prossimi anni per quanto riguarda l'ambito video. Sia al cinema, sia per quanto riguarda l'ambito domestico coi televisori
e i proiettori casalinghi. Le immagini ad elevata gamma dinamica permettono di percepire meglio i particolari, tanto da rappresentare per molti il vero cambio di passo rispetto al semplice aumento della risoluzione sul fronte della naturalezza delle immagini. Anche la ricerca scientifica pu beneficiare delle potenzialit delle riprese HDR, come dimostra il recente esperimento della NASA, che nel riprendere l'avvio di un razzo andata al di l di un semplice filmato ad elevato numero di fotogrammi al secondo per unire a questa tecnologia anche quella HDR. A confronto una ripresa classica con la nuova tecnologia HiDyRS-X High Dynamic Range Stereo X, questo il nome della tecnologia utilizzata per la ripresa. Il problema delle riprese che hanno come protagonisti i gas di scarico dei razzi la forte differenza di luminosit tra questi ultimi, incandescenti, e il resto della scena, dove i particolari del funzionamento delle parti del motore sono altrettanto importanti. In pi, all'interno della stessa scia le temperature e di conseguenza i livelli di luminosit possono variare in modo sensibile, rendendo difficile una ripresa di qualit anche semplicemente regolando l'esposizione sulla luminosit della coda dei gas incandescenti. Il progetto HiDyRS-X nasce proprio per affrontare questo problema e lo fa con una ripresa ad alta velocit a livelli di esposizione differenti che vengono poi fusi in un video slow-motion HDR. Il progetto nato dall'iniziativa NASA Space Technology Mission Directorates Early Career Initiative, che d la possibilit a 5 giovani ingegneri di guidare e sviluppare progetti di innovazione dell'agenzia spaziale statunitense. Il risultato assomiglia molto a un rendering per un film di fantascienza, ma invece racchiude informazioni molto preziose per i tecnici per comprendere al meglio le dinamiche del flusso dei gas espulsi dal razzo. Protagonista del test il vettore Space Launch System Qualification Motor 2, QM-2, in scala reale, dopo che alcuni test della tecnologia erano stati applicati a esemplari in scala ridotta. Rispetto a questi ultimi, avvenuti in laboratorio, il test del vettore in scala reale avvenuto in un remoto luogo dello Utah dove il sistema di ripresa e il team di controllo dovevano operare in modo totalmente autonomo. In pi, sempre rispetto ai test i scala ridotta, una volta acceso il razzo non poteva essere spento e fatto ripartire, quindi la ripresa doveva essere del tipo 'buona la prima'. Nonostante tutte le precauzioni la ripresa ha incontrato qualche problema ed riuscita a salvare solo tre minuti di filmato. Innanzitutto nel momento dell'accensione del razzo un problema al temporizzatore del sistema stava per non far partire del tutto la ripresa, ma la presenza di un controllo remoto manuale ha permesso bypassare il sistema automatico e iniziare manualmente la registrazione. In seguito le vibrazioni indotte dal razzo hanno portato al distacco del cavo di alimentazione della videocamera, con il suo conseguente spegnimento. In ogni caso, a parte la delusione per i problemi incontrati, il test ha permesso ai tecnici di osservare particolari del funzionamento del razzo mai visti prima. Questo test sar solo il primo di una serie: la prima lezione imparata dai tecnici della NASA quella di far partire il temporizzatore con maggiore anticipo, in modo da poter intervenire per tempo sul comando manuale in caso di malfuzionamento ed evitare di perdere le prima fasi dell'accensione del razzo. Gli ingegneri hanno gi in programma una seconda versione migliorata della videocamera, che tenga conto della potenza del razzo e resista in modo migliore alle vibrazioni e alle sollecitazioni meccaniche.

 240,    Blogs

Chi siamo

logo contatti notelseit

Notelseit si occupa di registrare un dominio, attivare servizi di hosting, server dedicati e vps, realizzare siti web a Battipaglia e inserirli nei motori di ricerca .

Contatti

Sede Legale: Via Serroni 58

84091 Battipaglia SA
Tel: +39 (828) 17 76 329