SpaceX ritorna nello spazio, l’ultimo lancio è un gran successo
15 gennaio 2017
Droni commerciali per sganciare bombe: l’ultima strategia dell’ISIS
16 gennaio 2017

Il fermento e il desiderio di passare ai wafer da 450mm di diametro, che qualche anno fa sembravano essere dietro l’angolo, si sono ora completamente esauriti. Che cosa successo? Non

molti anni fa i principali produttori di chip auspicavano una rapida disponibilit dei macchinari di produzione capaci di gestire wafer da 450mm di diametro, credendo che fosse necessario trovare un modo alternativo di incrementare le vendite se il settore avesse mostrato l’incapacit di tenere il passo con la Legge di Moore.

Allora si form il Global 450 Consortium, un programma di ricerca e sviluppo che ha coinvolto Intel, TSMC, Globalfoundries, IBM, Samsung e il SUNY Polytechnic Institute, con lo scopo di determinare l’effettiva fattibilit tecnica del passaggio a 450mm. Paul Kelly, responsabile iniziative consorziali per il SUNY Polytechnic, ha sottolineato: “L’intento del programma era determinare strettamente se fosse tecnicamente possibile affrontare il passaggio ai 450mm. Tutti i partecipanti sono rimasti soddisfatti dalla prospettiva di passare ai 450mm qualora si rivelasse necessario. In questo senso il programma stato un successo anche se tutti hanno concordato sul fatto che non il momento giusto per passare ai 450mm”.

Ma negli ultimi anni la Legge di Moore ha iniziato a mostrare qualche segno di affanno e, parallelamente, il settore dei semiconduttori ha attraversato un periodo di crescita modesta. Si tratta di una situazione che non ha portato alla necessit di una forte espansione della capacit di produzione come avvenuto in passato. Ci significa che l’eventuale passaggio alla produzione con wafer di dimensioni maggiori comporterebbe inevitabilmente il “pensionamento” degli stabilimenti che operano con wafer da 300mm, pena una sovraproduzione che non potrebbe essere assorbita dal mercato.

In altri termini il passaggio verso wafer di maggiori dimensioni andrebbe a ridurre considerevolmente la domanda per i macchinari di produzione, andando a danneggiare il business delle aziende specializzate proprio nello sviluppo e assemblaggio di questi macchinari. E’ verosimile che il passaggio verso i 450mm non sar pi argomento di dibattito per i prossimi cinque o dieci anni e comunque non fino a quando la domanda da parte del settore e gli interessi dei produttori di macchinari riusciranno a convergere.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Italiano
Impostazioni della Privacy
Nome Abilitato
Cookie Tecnici
Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookies tecnici necessari: wordpress_test_cookie, wordpress_logged_in_, wordpress_sec.
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
Privacy Policy
Verifica se hai accettato la nostra privacy policy.
Termini e Condizioni
Controlla se hai accettato i nostri Termini e Condizioni.

Durante la navigazione potranno essere installati sul tuo dispositivo cookie tecnici, analitici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione della Notelseti Srls e di terze parti al fine di proporti pubblicità in linea con i tuoi interessi.