Samsung acquisisce Harman per 8 miliardi di dollari
13 Novembre 2016
Con Genya Bilancio il professionista diventa consulente
15 Novembre 2016

Le Nike HyperAdapt 1.0 sono le sneaker “auto-allaccianti” ispirate al modello indossato da Michael J. Fox nel film Ritorno al Futuro II. Sono anni che la compagnia ne parla: nel

2011 mostrava un modello non funzionante, mentre nella fine del 2015 il designer Tinker Hatfiled ne regalava un paio allo stesso attore che impersonava Marty McFly nel film. Lo scorso marzo Nike ne annunciava una versione che sarebbe stata disponibile per la commercializzazione, e a settembre veniva dichiarata una prima data di lancio, il 28 novembre. Nelle scorse ore la compagnia ha rilasciato nuove informazioni.

Le nuove scarpe saranno disponibili a partire dal 1° dicembre ad un prezzo al pubblico di ben 720 dollari. Sapevamo già che sarebbero costate parecchio per via della loro esclusività, tuttavia è chiaro che con un prezzo simile il prodotto si rivolge a collezionisti particolarmente facoltosi, o particolarmente appassionati. Le HyperAdapt 1.0 saranno inoltre disponibili inizialmente solo a New York City, nei negozi Nike Soho e Nike+ ClubHouse con la vendita permessa solo ed esclusivamente ai membri Nike+. Questi ultimi saranno invitati il 28 novembre ad un evento speciale in cui potranno avere un primo approccio con il nuovo modello.

Le scarpe raggiungeranno altri negozi americani entro la fine dell’anno, ma non sappiamo se e quando arriveranno anche nei mercati europei.

In precedenza Nike aveva svelato il sistema con cui si allacceranno autonomamente: ogni scarpa ha un sistema di cavi collegato ad un sensore di pressione che si trova nella suola. Una volta inserito il piede i cavi si stringono basandosi su un algoritmo che stabilisce la giusta pressione, che può comunque essere regolata in ogni momento con un paio di pulsanti nascosti lungo la superficie della scarpa. Alcuni LED informano della pressione applicata e del momento in cui sarebbe meglio mettere in carica le batterie.

Le scarpe auto-allaccianti hanno infatti bisogno di essere caricate. La società garantisce comunque un’autonomia piuttosto elevata, di circa due settimane con una singola carica. Nike fornisce un caricabatterie magnetico per effettuare l’operazione e sottolinea che i lacci visibili hanno solamente uno scopo estetico e non sono utili per allacciare la scarpa. L’operazione infatti avviene tramite un meccanismo interno che non può essere sostituito manualmente.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Italiano