3 Italia e Wind un’unica azienda: nessun problema per l’AGCOM
24 Ottobre 2016
Dopo 15 anni Apple registra il primo anno di fatturato e utili in calo
25 Ottobre 2016

Il debutto della tecnologia di memoria 3D XPoint, annunciata da Intel ufficialmente nell’edizione 2015 del proprio Developer Forum di San Francisco, non avverr con le tempistiche inizialmente attese dal mercato, cio

quelle di un lancio nel corso dell’anno 2017 con le nuove generazioni di processori della famiglia Xeon.

Questa tecnologia di memoria permette lo sviluppo di soluzioni compatibili elettricamente e fisicamente con lo standard DDR4 utilizzato nei sistemi PC. Intel ne prevede pieno supporto da parte delle prossime generazioni di processori Xeon per sistemi server, ottenendo un incremento del quantitativo di memoria integrata nel sistema con un parallelo contenimento dei costi particolarmente utile in abito datacenter. Possiamo sintetizzare questa tecnologia di memoria come un vero e proprio punto d’incontro tra le caratteristiche delle memorie DRAM e quello delle soluzioni NAND: elevata capacit di archiviazione con latenza di acceso contenuta.

Il sito Motley Fool ha evidenziato come nel corso dell’analisi dei risultati finanziari del terzo trimestre 2016 Intel, per mezzo del proprio CEO Brian Krzanich, abbia rimarcato come le memorie 3D XPoint verranno abbinate ad una seconda generazione di piattaforma Purley per sistemi Xeon. Non saranno quindi presenti con le soluzioni Xeon Skylake-EP, attese al debutto nel corso della prima met del 2017 e originariamente previste come le prime dotate di supporto a queste memorie.

Di conseguenza saranno i processori Xeon basati su architettura Cannonlake-EP i primi a implementare supporto alle memorie 3D XPoint, ma alla luce delle tempistiche previste per il debutto delle piattaforme server Intel questo non avverr prima della fine del 2018 se non nel corso della prima met del 2019: questo infatti il lasso di tempo nel quale previsto il debutto dei processori Xeon basati su architettura Cannonlake-EP. Uno slittamento in avanti di alcuni anni, quindi, che avr dirette ripercussioni sulla diffusione di questa nuova tecnologia promettente sulla carta ma che richieder ancora tempo prima di materializzarsi in prodotti pronti per la vendita.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Italiano