Individuata dagli esperti di ESET una nuova versione del malware DNS Unlocker
21 Giugno 2016
La NASA lancia internet nello spazio: gettate le basi per le comunicazioni fra pianeti
22 Giugno 2016

Samsung è da parecchio tempo fra i leader del settore di internet of things, ma sembra che la società voglia investire nell’ambiente in maniera ancora più massiccia. Quanto più massiccia? Si

parla di una somma da 1,2 miliardi di dollari, solo per gli USA, da stanziare nei prossimi quattro anni in ricerca e sviluppo su dispositivi e gadget connessi di varia natura. Ad annunciarlo è la stessa società all’interno di una nota resa disponibile al pubblico nelle scorse ore.

Gli 1,2 miliardi di dollari, dichiara Samsung, saranno suddivisi in egual misura fra costi di ricerca e sviluppo effettuati internamente e investimenti su startup legate al mondo dell’IoT, a riprova del fatto che Samsung sta diventando sempre più favorevole all’apertura con brand partner. Samsung non è nuova nel settore, tuttavia i rinnovati sforzi finanziari annunciati nelle scorse ore si traducono nel tentativo di sfidare Qualcomm e Intel in maniera più efficace.

I coreani potrebbero rafforzare l’impegno nella produzione di chip proprietari che saranno installati su gadget smart di produzione propria, o ceduti a terzi: “In Samsung, mettere la gente al centro di tutto quello che produciamo è la nostra priorità assoluta”, scrive Oh-Hyun Kwon, vice presidente e CEO di Samsung. “Lo stesso deve essere vero per il settore IoT se vogliamo concretizzare il suo vero potenziale trasformativo”. Secondo varie società d’analisi, l’IoT è un settore che sta per esplodere.

E Samsung questo lo sa benissimo: “Oggi la Internet of Things sta cambiando le vite di singoli utenti, che vengono aiutati a invecchiare nelle proprie case. Ma domani possiamo dare la stessa indipendenza a milioni di americani”. Gli investimenti interni da 600 milioni di dollari verranno stanziati nei due centri di ricerca situati nella Silicon Valley e verranno utilizzati per sviluppare chip ad elevata efficienza per la IoT, settore in cui ad oggi Samsung è il secondo produttore al mondo.

Samsung produce chip di questo tipo ormai da tempo, e l’anno scorso aveva annunciato i processori della serie Artik basati sulle esigenze di efficienza energetica della particolare categoria dei gadget smart. Considerando la rapida crescita del settore non sorprende che Samsung sia così interessata a destinare sempre più soldi in ricerca e sviluppo nel mercato IoT, e restiamo in attesa di vedere quali saranno i primi frutti di questi nuovi investimenti miliardari da parte dei coreani.

Comments are closed.

Italiano
Impostazioni della Privacy
Nome Abilitato
Cookie Tecnici
Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookies tecnici necessari: wordpress_test_cookie, wordpress_logged_in_, wordpress_sec.
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
Privacy Policy
Verifica se hai accettato la nostra privacy policy.
Termini e Condizioni
Controlla se hai accettato i nostri Termini e Condizioni.

Durante la navigazione potranno essere installati sul tuo dispositivo cookie tecnici, analitici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione della Notelseti Srls e di terze parti al fine di proporti pubblicità in linea con i tuoi interessi.