Capire come funzionano le sessioni PHP
15 gennaio 2018
Aumentano le truffe legate alle cripto valute su Android: scoperte dai ricercatori di ESET app fake di Poloniex e MyEtherWallet
7 marzo 2018

Possedere una chiave di ricerca sul tuo sito può essere di aiuto agli utenti nel cercare esattamente quello che stanno cercando. Imotori di ricerca possono avere modalità sia semplici che complicate.

Si presuppone che, in merito a questo tutorial sui motori di ricerca, tutti i dati che tu desideri siano rintracciabili siano già immagazzinati nel tuo database MySQL. Questo tipo di operazione non comporta alcun tipo di algoritmo-basta semplicemente una richiesta like-ma funziona per i motori di ricerca di base e ti permette di fare un salto di qualità nella creazione di un più complesso sistema di ricerca.

Questo tutorial richiede un database. Il codice sottostante richiede un test database da usare appena cominci a lavorare con questo tutorial:

CREATE TABLE users (fname VARCHAR (30), Iname VARCHAR (30), Info BLOB);

Il Form di ricerca HTML

Ricerca: in FirstNameLastNameProfile

Questo codice HTML crea il form che i tuoi utenti useranno per compiere le loro ricerche. Il codice richiede uno spazio per accedere a quello che gli utenti stanno cercando, e un menu di scorrimento dove questi ultimi possono scegliere un campo di ricerca ( nome, cognome o profilo). Il form recupera i dati attraverso la funzione PHP_SELF (). Questo tipo di codice non è abilitato ad entrare nei tag, ma può essere collocato o sopra o sotto di essi.

Il codice di ricerca PHP

Questo tipo di codice può essere collocato sia sopra che sotto il form HTML nel file di tua preferenza. Una spiegazione più dettagliata dell’uso di questo codice apparirà nelle sessioni successive.

Codice PHP- Parte 1

Se ci apparisse ($searching==”yes”) nel form originale HTML, avremmo un campo nascosto che ci porterebbe alla variabile ”yes” quando risulta presentata. Se il form è stato presentato, è possibile collocare il codice PHP; se non è stato presentato, ignora il resto della codificazione.

Se ci appare ($find==”yes”), lo step successivo consiste in una verifica da fare, prima di procedere con la richiesta, ovvero accertarsi che l’utente abbia avuto accesso a una stringa di ricerca.  In caso in cui l’utente non abbia avuto accesso, possiamo aiutarlo a risolvere il problema tramite il codice PHP. Se non possediamo questo codice, e l’utente avesse ugualmente avuto accesso ed ottenuto un blank result, tutti i contenuti del database non risulterebbero visibili.

Una volta effettuata la verifica, ci possiamo connettere al database, ma abbiamo bisogno di inserire dei filtri prima di procedere con la ricerca:

il filtro $find=strtoupper($find) cambia tutti i caratteri della stringa di ricerca

il filtro $find=strip_tags ($find) rimuove un qualsiasi tipo di codice che l’utente può aver utilizzato per accedere ad un box di ricerca.

il filtro $find=trim ($find) rimuove tutti gli spazi bianchi- quegli spazi che, ad esempio, l’utente può accidentalmente causare durante le sue operazioni di ricerca.

Codice PHP- Parte 2

Abbiamo già detto che questo codice serve alle ricerche che attualmente vengono compiute sui siti web. Mentre noi scegliamo tutti i dati dalla tabella WHERE, gli utenti scelgono la stringa di ricerca LIKE. Noi usiamo upper () per trovare la versione dei campi di ricerca in caratteri cubitali. Prima convertiamo la nostra ricerca nell’ “uppercase” meglio è. Senza procedere a tale conversione, la ricerca della parola “pizza” non mostrerà alcun risultato della parola “Pizza” con la lettera P maiuscola. Utilizziamo inoltre il simbolo di percentuale “%” nella variabile $find ad indicare che non stiamo cercando unicamente quel tipo di termine ma piuttosto un termine contenuto in un determinato corpo di testo.

Le linee  while($result=mysql_fetch_array($data)) e  $anymatches=mysql_num_rows($data) danno inizio ad un percorso che comincia dai dati e ritorna a questi ultimi. Di conseguenza noi sceglieremo quale informazione ECHO avrà l’utente e in che tipo di formato.

Infine, nel caso in cui l’utente possa essersi dimenticato di cosa voleva cercare, possiamo ricordarglielo.

Se viene messo a disposizione un gran numero di risultati di ricerca, si può utilizzare, volendo, una pagina che mostra tali risultati.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Italiano
Impostazioni della Privacy
Nome Abilitato
Cookie Tecnici
Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookies tecnici necessari: wordpress_test_cookie, wordpress_logged_in_, wordpress_sec.
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
Privacy Policy
Verifica se hai accettato la nostra privacy policy.
Termini e Condizioni
Controlla se hai accettato i nostri Termini e Condizioni.

Durante la navigazione potranno essere installati sul tuo dispositivo cookie tecnici, analitici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione della Notelseti Srls e di terze parti al fine di proporti pubblicità in linea con i tuoi interessi.