M5500-cadre: le GPU NVIDIA pour le poste de travail mobile compatible pour VR
4 Aprile 2016
wordpress
WordPress: come scrivere un articolo
5 Aprile 2016

Il fatturato globale del mercato semiconduttori calato del 2% nel corso del 2015, totalizzando 347,3 miliardi di dollari rispetto ai 354,3 miliardi di dollari registrato nel 2014. L’analisi

condotta dalla societ IHS, la quale sottolinea come la contrazione giunga dopo due anni di robusta crescita con un +8,3% nel 2014 e +6,4% nel 2013.

Dale Ford, vicepresidente e chief analyst per IHS, ha commentato: “I deboli risultati dello scorso anno segnalano l’inizio di quello che atteso essere un periodo di tre anni di flessione o stagnazione per il fatturato dei semiconduttori. Una domanda anemica nei principali segmenti di mercati delle comunicazioni wireless, dell’elaborazione dati e della consumer electronics andr a danneggiare la crescita dei semiconduttori in questo periodo”.

La crescita del fatturato semiconduttori assister ad una debole tasso di crescita annuale composto del 2,1% per il periodo 2015-2020. Secondo la societ di analisi le condizioni e le tendenze tecnologiche economiche e di mercato attuali suggeriscono che tra il 2020 ed il 2022 nuove tipologie di prodotti arriveranno sul mercato e saranno in grado di innescare una nuova e significativa crescita del fatturato semiconduttori.

“Certamente la buona notizia del settore dei semiconduttori il livello record delle attivit di fusione ed acquisizione dello scorso anno. I grandi protagonisti del settore hanno attuato manovre strategiche di spessore per rafforzare la posizione sul mercato e migliorare la crescita di fatturato e la redditivit” ha osservato Ford. Intel mantiene la prima posizione nel 2015, dopo l’acquisizione di Altera che ha consentito di compensare il fatturato in calo dei processori e raggiungere una crescita complessiva del 2,9% nel 2015. Tra le prime 25 compagnie, 14 hanno registrato una crescita nel 2015, un dato che si pone in netto contrasto con il mercato complessivo dove meno del 42% delle 285 compagnie monitorate da IHS sono state in grado di registrare risultati positivi nel corso dell’anno passato.

Comments are closed.