Server x86, SSD NVMe e virtualizzazione per lo storage del futuro
21 Ottobre 2015
Google, l’ultima trimestrale prima della riorganizzazione Alphabet
22 Ottobre 2015

Tempo di risultati finanziari trimestrali per Microsoft, che ha annunciato da qualche ora i dati del primo trimestre fiscale dell’esercizio 2016. Questo arco temporale corrisponde ai mesi di Luglio, Agosto e

Settembre 2015 in quanto Microsoft ha adottato un anno fiscale che inizia il 1 Luglio e termina il 30 Giugno seguente.

A fronte di un calo nel fatturato pari al 12%, passato dai 23,2 miliardi di dollari del corrispondente periodo dello scorso anno agli attuali 20,4 miliardi, l’azienda americana ha registrato un utile operativo invariato pari a 5,8 miliardi di dollari e un utile netto in lieve crescita, +2%, sino a 4,6 miliardi.

La contrazione di fatturato è giustificata da un calo del 17% nel fatturato della divisione More Personal Computing, alla quale si riferiscono le attività legate al sistema operativo Windows e a Windows Phone. Da questo il dato di sintesi: anche Microsoft subisce il difficile momento nel settore dei PC, in particolare di quelli consumer, mentre le vendite legate ai dispositivi mobile e agli smartphone in testa continuano ad essere difficili.

In particolare si segnala una contrazione su base annuale del 54% nel fatturato derivato dalle soluzioni Windows Phone, dinamica che era attesa e che è giustificata anche dall’assenza nel periodo di riferimento di nuovi terminali portati al debutto sul mercato. Dinamica simile del resto vale anche per le vendite di prodotti della famiglia Surface: in questo caso si è passati dai 908 milioni di dollari dello scorso anno agli attuali 672 milioni di dollari.

Microsoft Surface Pro 4

Ricordiamo come Microsoft abbia recentemente annunciato importanti novità hardware tanto per gli smartphone Lumia come per i prodotti Surface; per entrambe le famiglie le vendite sono però all’interno del secondo trimestre fiscale 2016 e pertanto non tali da avere ricadute sul fatturato del trimestre in oggetto.

Dove Microsoft ha ottenuto risultati decisamente positivi è nella divisione Cloud, che da tempo rappresenta un punto di forza nell’offerta dell’azienda americana. Si segnala un aumento del fatturato pari all’8% su base annuale, con una crescita del 13% per le soluzioni server e i servizi cloud.

I dati trimestrali dell’esercizio 2016 confermano come Microsoft sia un’azienda in continua trasformazione, capace di ottenere un utile trimestrale invariato rispetto allo scorso anno pur con una contrazione nel fatturato. Il nuovo modello di business portato avanti con Windows 10 ha quale diretta conseguenza uno spostamento in avanti nel tempo del fatturato legato alle licenze di vendita del sistema operativo, approccio che è speculare a quanto sviluppato per Office 365 da alcuni anni a questa parte e che si sta dimostrando essere di successo per Microsoft. Sarà interessante analizzare, nei prossimi trimestri, la ricaduta in termini di vendite delle nuove soluzioni hardware presentate a inizio Ottobre e che così positivo interesse hanno suscitato nel pubblico degli utenti più appassionati.

Comments are closed.