Seagate-Micron: in arrivo la serie di SSD enterprise 1200.2 SAS 12G
4 Agosto 2015
Google, una sussidiaria apposita per gestire il progetto delle auto a guida autonoma
4 Agosto 2015

Dopo anni di forte crescita, in alcuni casi con incrementi annuali a sfiorare il 100%, il mercato dei tablet ha iniziato a conoscere una fase di stabilizzazione e riduzione dei volumi

di vendita. Nel corso del secondo trimestre 2015 le vendite sono calate rispetto allo scorso periodo dello scorso anno e la dinamica non sembra destinata a rallentare.

Digitimes Research stima, per il terzo trimestre 2015, un ulteriore calo nelle vendite quantificato nel 15% di contrazione rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Interessanti le dinamiche interne tra i produttori, con Apple che prevista in contrazione con le vendite dei tablet iPad nel periodo di riferimento per un calo stimato nel 20% rispetto al corrispondente periodo del 2014.

A comportarsi meglio del mercato saranno i produttori cinesi di tablet cosiddetti white-box, in grado di beneficiare di una domanda in crescita del 15% proveniente soprattutto dai mercati esteri e non dalla domanda interna. Dinamica diversa per i produttori di tablet non white box basati su OS Android, che sono attesi a vendite in lieve contrazione (-7%) ma con una dinamica generale migliore rispetto a quella prevista per Apple.

Tra i produttori Apple, Samsung e Lenovo continuano a restare ancorati alle 3 posizioni di vertice mentre l’analisi stima per Asustek un ritorno alla quarta posizione. A seguire TLC e interessante segnalare come Microsoft sia indicata alla settima posizione grazie alla propria linea di prodotti Surface, in attesa del debutto della quarta generazione attesa nel corso del quarto trimestre 2015.

Tutto questo frutto di una dinamica di mercato ben chiara, che vede i consumatori sempre interessanti ai tablet quali strumenti di intrattenimento personale e per informarsi con siti e servizi web. Questo interesse non si trasforma per pi, come avvenuto in passato, nella necessit di acquistare un nuovo tablet a poco tempo di distanza dal proprio precedente acquisto: l’evoluzione tecnologica non pi cos repentina da rendere obsoleto in breve tempo il tablet in proprio possesso. Da questo una spinta verso la sostituzione del proprio dispositivo che sempre meno incisiva, e che si riflette sul calo dei volumi di vendita.

Comments are closed.